SAMUELESILVA
archive(2005-2011)

Six Red Carpets

10 luglio 2008

Internet è ormai diventato il vero trampolino di lancio per molta musica. Tanti gruppi e cantautori propongono i loro dischi nella speranza di ottenere audience, pubblicità e magari contratti. I Six Red Carpets non sfuggono a questa logica: ho ricevuto una mail che mi invitava ad ascoltarli, gratis, e non mi sono lasciato sfuggire l’occasione. Il gruppo è composto da tre elementi (Mills, Majlco e Leaf), sono di Milano ma cantano, parlano e scrivono in inglese. Hanno prodotto tutto loro: non deve essere facile e onore al merito. Ho ascoltato poche volte il disco ma la prima impressione è ottima: il loro è un sound particolare, un rock lento. Non voglio sfuggire alla logica del paragone famoso, dicono che non si deve fare, ma al sottoscritto ricordano molto i Radiohead (che poi magari sto dicendo un’assurdità). La mia traccia preferita è sicuramente ‘Here’s to the Nightmare‘, un rock melodico ma aggressivo. Il consiglio è di scaricare ed ascoltare: suona strano ma è legale!

3 Commenti

  • mills ha detto:

    Grazie Samuele per le belle parole, è bello sapere di poter contare su chi, come te, sa apprezzare la purezza della nostra decisione di pubblicare gratuitamente “Nightmares + Lullabies”.

    Non ho granchè da aggiungere a quanto hai scritto: l’album è DAVVERO GRATIS e scaricabile per chiunque, non contiene virus o schifezze simili. Basta andare sul nostro sito http://www.sixredcarpets.com e il gioco è fatto.

    L’album è stato completamente prodotto dalla band: il nostro sogno sarebbe quello di riuscire ad ottenere l’attenzione di chi possa aiutarci a crescere e compiere i passi successivi per poter andare avanti.

    Per questo l’unica cosa che chiederei a chi scarica l’album è di fare come ha fatto Samuele: parlarne (in bene o in male, :-) ), farlo scaricare ad altra gente o far girare le nostre canzoni.

    Un saluto a Samuele e ai lettori di questo blog,che spero di vedere presto…magari ad uno dei nostri prossimi live.

    Un sorriso,

    src

  • Giulio GMDB© ha detto:

    E’ un po’ quello che fa Vitaminic: trovi degli artisti emergenti che pur di farsi pubblicità o semplicemente perchè suonano per hobby, mettono la loro musica a libera disposizione. Trovo che sia una cosa encomiabile, un po’ come chi produce software freeware.

  • Smeerch ha detto:

    Anche i miei brani sono gratis. Da ascoltare e scaricare. Ma sono illegalissimi :D
    http://www.myspace.com/smeerch
    Mai pubblicati eppure pieni zeppi di campioni non autorizzati. Puro bootleg in 4/4. :)

  • § Leave a Reply

Categories