SAMUELESILVA
archive(2005-2011)

Ardisco, colpisco, me n'infischio

21 marzo 2008

Ardisco, colpisco, me n'infischioParlando di politica, di destra e di fascismo spunta sempre la celebre frase: “Credere, Obbedire, Combattere”. Non so perchè. Io sono da sempre affezionato ad un altro motto, di derivazione aeronautica e militare: Ardisco, colpisco, me n’infischio. Insegnamenti paterni. Quando da piccolo si costruivano gli aeroplani di carta scrivevo questa frase sulla carlinga e lanciavo orgoglioso il mio prototipo. Si tratta del motto del 30∫ Stormo B.M. (bombardieri marittimi) che operò dal 1 giugno 1931 e durante la seconda guerra mondiale. Bellissimo. Ardisco, colpisco, me n’infischio.

15 Commenti

  • Genio ha detto:

    Beh, ce ne sono diversi molto d’effetto.
    Ti consiglio di consultare questa “simpatica” raccolta:

    http://www.ilduce.net/motti.htm

    Ciao nè.

  • Genio ha detto:

    Marciare, non marcire.
    Questa è veramente entusiasmante…

  • Enrico Carlo ha detto:

    Il 30∫ Stormo B.M. fu una delle più grandi cagate che fece Mussolini.
    Infatti, nonostante la regia aviazione fosse all’ avanguardia nel campo dell’ aereosiluramento, il nostro Duce la fece abbandonare in quanto i siluri costavano troppo, ordinando che, appunto, si bombardassero le navi dall’ alto.
    Ovviamente i risultati furono pessimi, in quanto una bomba su non mi ricordo quante colpiva la nave, e danneggiava solo il ponte, altro che lo scafo squarciato da un siluro.
    Fonte: “Navi e Poltrone”, G. Trizzino.

  • Samuele ha detto:

    Si, però il motto era bellissimo!!

  • remyna ha detto:

    odio la guerra. in questo tipo di compiacimento, scusa samuele, non ci trovo proprio niente di bellissimo.

  • Samuele ha detto:

    ->Remyna: per avere la pace preparati alla guerra (da “l’arte della guerra” di Sun Tzu).

  • remyna ha detto:

    samuele, … e nemmeno nulla di artistico… ma sai proprio niente, niente.
    guarda samuele , io sono nata a salò e ho coltivato certi anticorpi che è difficile smantellare…
    ma veramente credi in guerre giuste, necessarie o “artistiche”?
    la guerra è guerra e ad essa io mi opporrò sempre e con tutta me stessa.
    mussolini poi è una delle persone che mi fanno vergognare di essere italiana. in tutta sincerità.

  • remyna ha detto:

    amico mio, tanto lo sapevamo già di avere gusti diversi nelle cose del mondo ;) fatta eccezione per lo spritz, le cene tra amici e il web 2.0… beh, mica poco direi! :)

  • Raffaella ha detto:

    Sebbene anch’io sia “usa” a incursioni rapide nel mondo delle foto proveniente da mondi a crocette, devo dire che la parte che trovo più agghiacciante del motto è il me ne infischio finale.
    Io, per indole e professione, sono decisamente più tipo da “I care”.
    Raffa

  • Samuele ha detto:

    ->Remyna: non credo affatto nella guerra, in nessun tipo di guerra. Non esiste una guerra giusta, la guerra fa schifo. Sono per indole la persona più pacifica del mondo. Non giudicarmi troppo da quello che scrivo; spesso esaspero i concetti per il gusto di provocare ed essere contro. Il motto è semplicemente una reminescenza del passato, che io applico solo quando apro il frigorifero di mia madre.

  • Enrico Carlo ha detto:

    Samu, se stasera Ninna e Faxe si menano, pretendo un adeguato servizio fotografico.

  • stefigno ha detto:

    ti tumblo per provocare…

    Quioto l’osservazione di Enrico Carlo.

  • Elucy ha detto:

    Come è andata la cena?
    Ora mi dovrai mettere di nuovo tra le “faccine” a lato!!! a
    Buona Pasqua

  • Samuele ha detto:

    ->Elucy: buona pasqua anche a te. Ho appena scritto il post sulla cena. Ti rimetto nelle faccine…

  • Anonimo ha detto:

    frase da fasci, belinone
    e poi “si vis pacem para bellum” non scomodare i cinesi quando hai i romani in casa, ignorante

  • § Leave a Reply

Categories